Bernardino Di Milia

Vincenzo Di Milia nacque a Calitri il 26 ottobre 1839. A sedici anni, entrò nell'Ordine dei PP. Cappuccini, prendendo il nome di Bernardino, ed il 23 settembre 1864 fu ordinato sacerdote. Dotato di forte e vivace ingegno e vasta cultura, venne, giovanissimo, prescelto ad insegnare teologia e filosofia in vari monasteri del suo Ordine, così in Italia come in Francia.

Nel 1875, Mons. R. Cocchia, nominato delegato apostolico dell'America centrale, conoscendo le sue doti, lo invitò a seguirlo come segretario e collaboratore in questa difficile missione. Le popolazioni delle Antille erano dilaniate da lotte civili ma grazie alla loro forza d'animo e capacità riuscirono in breve tempo a ristabilire la pace. 

Ma fu nel 1877 che il nome di Bernardino Di Milia occupò l'opinione pubblica di tutto il mondo. In quell'anno, durante i lavori di restauro della cattedrale di Santo Domingo, fu rinvenuto il sarcofago con i resti di Cristoforo Colombo ed a lui fu affidato il compito di portare in Italia parte dei resti del navigatore genovese posti in due urne: una destinata all'Università di Pavia e l'altra al Vaticano. Tutta la stampa dell'epoca tributò meritati elogi al religioso di Calitri. 

Di lì a qualche anno, venne nominato Delegato Apostolico dell'America centrale e consacrato Vescovo (1884). Mons. Di Milia rimase nelle Antille fino al 1890, continuando, con successo, l'opera diplomatica e sacerdotale presso le repubbliche di Santo Domingo, Haiti e Venezuela, finchè la Santa Sede, lo trasferì al governo della diocesi di Larino (Molise). Qui vi restò per 19 anni fino alla sua morte avvenuta il 6 aprile 1910. 

Rimangono del suo governo episcopale numerose Lettere Pastorali, le quali, da sole, formano il più bello e perenne monumento della sua dottrina e pietà cristiana.

Page Reader Press Enter to Read Page Content Out LoudPress Enter to Pause or Restart Reading Page Content Out LoudPress Enter to Stop Reading Page Content Out LoudScreen Reader Support